logo

MSDE Catullo Parini Foscolo Gozzano Anarchie Sardinia Laurasia

 

IL GIORNO
  ♦ Il mattino
  ♦ Il meriggio
  ♦ Il vespro
  ♦ La notte
 
ODI
  ♦ I L'innesto del vaiuolo
  ♦ II La salubrità dell'aria
  ♦ III La vita rustica
  ♦ IV Il bisogno
  ♦ V Il brindisi
  ♦ VI La impostura
  ♦ VII Il piacere e la virtú
  ♦ VIII La primavera
  ♦ IX La educazione
  ♦ XXV Alla Musa
 
TERZINE
  ♦ Per le nozze di Rosa Giuliani...
 
Torna all'indice
 
   

IV
IL BISOGNO



Al signor Wirtz
Pretore per la Repubblica Elvetica


Oh tiranno signore
De' miseri mortali,
Oh male, oh persuasore
Orribile di mali:
Bisogno, e che non spezza
Tua indomita fierezza!

Di valli adamantini
Cinge i cor la virtude;
Ma tu gli urti e rovini:
E tutto a te si schiude.
 











5





10
Entri, e i nobili affetti
O strozzi od assoggetti.

Oltre corri, e fremente
Strappi Ragion dal soglio;
E il regno de la mente
Occupi pien d'orgoglio,
E ti poni a sedere
Tiranno del pensiere.

Con le folgori in mano
La legge alto minaccia;
 




15





20
Ma il periglio lontano
Non scolora la faccia
Di chi senza soccorso
Ha il tuo peso sul dorso.

Al misero mortale
Ogni lume s'ammorza:
Vèr la scesa del male
Tu lo strascini a forza:
Ei di sé stesso in bando
Va giú precipitando.
 




25




30

Ahi l'infelice allora
I comun patti rompe;
Ogni confine ignora;
Ne' beni altrui prorompe;
Mangia i rapiti pani
Con sanguinose mani.

Ma quali odo lamenti
E stridor di catene;
E ingegnosi stromenti
Veggo d'atroci pene
 




35





40
Là per quegli antri oscuri
Cinti d'orridi muri?

Colà Temide armata
Tien giudizi funesti
Su la turba affannata
Che tu persuadesti
A romper gli altrui dritti,
O padre di delitti.

Meco vieni al cospetto
Del nume che vi siede.
 




45





50
No, non avrà dispetto
Che tu v'innoltri il piede.
Da lui con lieto volto
Anco il Bisogno è accolto.

O ministri di Temi,
Le spade sospendete:
Dai pulpiti supremi
Qua l'orecchio volgete.
Chi è che pietà niega
Al Bisogno che prega?
 




55




60

«Perdon», dic'ei, «perdono
Ai miseri cruciati.
Io son l'autore io sono
De' lor primi peccati.
Sia contro a me diretta
La pubblica vendetta».

Ma quale a tai parole
Giudice si commove?
Qual dell'umana prole
A pietade si move?
 




35





70
Tu, Wirtz, uom saggio e giusto,
Ne dai l'esempio augusto:

Tu cui sí spesso vinse
Dolor degl'infelici
Che il Bisogno sospinse
A por le rapitrici
Mani nell'altrui parte
O per forza o per arte:

E il carcere temuto
Lor lieto spalancasti;
 




45





80
E, dando oro ed aiuto,
Generoso insegnasti
Come senza le pene
Il fallo si previene.
 


 




Valid HTML 4.01 Transitional   Valid CSS!  


home