logo

MSDE Catullo Parini Foscolo Gozzano Anarchie Sardinia Laurasia

 

IL GIORNO
  ♦ Il mattino
  ♦ Il meriggio
  ♦ Il vespro
  ♦ La notte
 
ODI
  ♦ I L'innesto del vaiuolo
  ♦ II La salubrità dell'aria
  ♦ III La vita rustica
  ♦ IV Il bisogno
  ♦ V Il brindisi
  ♦ VI La impostura
  ♦ VII Il piacere e la virtú
  ♦ VIII La primavera
  ♦ IX La educazione
  ♦ XXV Alla Musa
 
TERZINE
  ♦ Per le nozze di Rosa Giuliani...
 
Torna all'indice
 
   

VII
IL PIACERE E LA VIRTÚ



Vada in bando ogni tormento:
Ecco riede il secol d'oro
A scherzar tornar fra loro
Innocenza e libertà.
Sol fra noi regni il contento;
Coroniamo il crin di rose:
Su si colgan rugiadose
Da la man dell'onestà.

La virtú non move guerra
Ai diletti onesti e belli.
 








5





10
Colà in ciel nacquer gemelli
Il piacere e la virtú.
E gli dei portaro in terra
Un tesor cosí giocondo;
E cosí beàr del mondo
La primiera gioventú.

Folle stirpe de' mortali,
Che sé stessa ognor delude!
Il piacer da la virtude
Insolente dipartí.
 



15





20
L'atra allor di tutti i mali
Si destò nova procella:
E la coppia amica e bella
Solo in ciel si riuní.

Ma tornaro i dí beati.
Or veggiam congiunti ancora,
Con un nodo che innamora,
La virtude ed il piacer.
Sposi eccelsi, a voi siam grati,
Che il bel dono a noi rendete:
 




25




30
Siete voi che l'uomo ergete
A lo stato suo primier.

Ah perché velar l'aspetto
Sotto strane e varie forme?
Al fulgor de le vostr'orme
Si conosce il divin piè.
La Virtude et il Diletto,
Ferdinando e Beatrice!
Oh spettacolo felice,
Che rapisci ogn'alma a te!
 




35




40

Sol fra noi regni il contento:
Coroniamo il crin di rose:
Su si colgan rugiadose
Da la man dell'onestà.
Vada in bando ogni tormento.
Ecco riede il secol d'oro:
A scherzar tornan fra loro
Innocenza e libertà.
 




45


 




Valid HTML 4.01 Transitional   Valid CSS!  


home