logo

MSDE Catullo Parini Foscolo Gozzano Anarchie Sardinia Laurasia

 

LA VIA DEL RIFUGIO
  ♦ La via del rifugio
  ♦ L'analfabeta
  ♦ Le due strade
  ♦ Il responso
  ♦ L'amica di Nonna Speranza
  ♦ I sonetti del ritorno
  ♦ La differenza
  ♦ Il filo
  ♦ Ora di grazia
  ♦ Speranza
  ♦ L'inganno
  ♦ Parabola
 
I COLLOQUI
  IL GIOVENILE ERRORE
  ♦ I colloqui
  ♦ L'ultima infedeltà
  ♦ Le due strade
  ♦ Elogio degli amori ancillari
  ♦ Il gioco del silenzio
  ♦ Il buon compagno
  ♦ Invernale
  ♦ L'assenza
  ♦ Convito
  ALLE SOGLIE
  ♦ Alle soglie
  ♦ Il piú atto
 

POESIE SPARSE
  ♦ La vergine declinante
  ♦ L'esortazione
 
Torna all'indice
 
   

L'ASSENZA



Un bacio. Ed è lungi. Dispare
giú in fondo, là dove si perde
la strada boschiva che pare
un gran corridoio nel verde.

Risalgo qui dove dianzi
vestiva il bell'abito grigio:
rivedo l'uncino, i romanzi
ed ogni sottile vestigio...

Mi piego al balcone. Abbandono
la gota sopra la ringhiera.
 








5





10
E non sono triste. Non sono
piú triste. Ritorna stasera.

E intorno declina l'estate.
E sopra un geranio vermiglio,
fremendo le ali caudate
si libra un enorme Papilio...

L'azzurro infinito del giorno
è come una seta ben tesa;
ma sulla serena distesa
la luna già pensa al ritorno.
 




15





20

Lo stagno risplende. Si tace
la rana. Ma guizza un bagliore
d'acceso smeraldo, di brace
azzurra: il martin pescatore...

E non sono triste. Ma sono
stupito se guardo il giardino...
stupito di che? non mi sono
sentito mai tanto bambino...

Stupito di che? Delle cose.
I fiori mi paiono strani:
 





25





30
ci sono pur sempre le rose,
ci sono pur sempre i gerani...
 
 




Valid HTML 4.01 Transitional   Valid CSS!  


home