logo

MSDE Catullo Parini Foscolo Gozzano Anarchie Sardinia Laurasia

 

LA VIA DEL RIFUGIO
  ♦ La via del rifugio
  ♦ L'analfabeta
  ♦ Le due strade
  ♦ Il responso
  ♦ L'amica di Nonna Speranza
  ♦ I sonetti del ritorno
  ♦ La differenza
  ♦ Il filo
  ♦ Ora di grazia
  ♦ Speranza
  ♦ L'inganno
  ♦ Parabola
 
I COLLOQUI
  IL GIOVENILE ERRORE
  ♦ I colloqui
  ♦ L'ultima infedeltà
  ♦ Le due strade
  ♦ Elogio degli amori ancillari
  ♦ Il gioco del silenzio
  ♦ Il buon compagno
  ♦ Invernale
  ♦ L'assenza
  ♦ Convito
  ALLE SOGLIE
  ♦ Alle soglie
  ♦ Il piú atto
 

POESIE SPARSE
  ♦ La vergine declinante
  ♦ L'esortazione
 
Torna all'indice
 
   

L'ESORTAZIONE

(Leggendo Dante)

Di pari come buoi che vano a giogo
M'andava io con quell'anima carca
Finché s'offerse il dolce Pedagogo.
(Dante, Purg. XII)

Io credeva di essere per trasfigurarmi
e di diventare un Dio.
(Gabriele D'Annunzio, Le Vergini delle Roccie)



«Di pari come buoi che vanno a giogo
M'andava io con quell'anima carca
Finché s'offerse il dolce Pedagogo»
Il pedagogo ch'ogni pena scarca.

Diss'io: Maestro, l'anima mia affogo
Nel putridume che l'etade incarca,
Or ecco che alla mano tua m'aggiogo
E con fidanza l'anima s'imbarca.

Diss'ei: Convien però ben che tu lascie
Li rozzi rimator del secol rio,
Poeti da mercanti e di bagascie.

Alza l'orgoglio e un giorno tu com'io
Surgerai sopra dell'umane ambascie
E piú che uomo simile ad un Dio.




Valid HTML 4.01 Transitional   Valid CSS!  


home